Σάββατο, 8 Νοεμβρίου 2014

ΚΑΜΙΛΛΟ ΣΜΠΑΡΜΠΑΡΟ




CAMILLO SBARBARO


QUANDO TRAVERSO LA CITTÀ LA NOTTE

Quando traverso la città la notte
io vivo la mia vita più profonda.

Persiane silenziose illuminate!
Finestra buia aperta nella notte!
Negli atrii di pietra voce d'acqua!
Tra le bestie squartate lumicino
alla madonna! Ombre umane informi
dietro i vetri nebbiosi dei caffè!

Mi trasformo nel cieco crocicchio
che suona ritto gli occhi vaghi al cielo.
Voluttà d'esser solo ad ascoltarmi!
Udire nella mia notte per ore
avvicinarsi e dileguare i passi!
Essere la puttana che sussurra
la parola al passante che va oltre!
la vecchia della porta
che s'attacca pel soldo della grappa
al militare ch'esce nauseato!
E voluttà di scendere più basso!

Rasentando le case cautamente
io sento dietro le pareti sorde
le generazioni respirare.
E so l'ostilità di certe vie
tozze,
la paura di certe piazze vuote...
E forse ignaro m'incammino verso
- oh mia liberazione! - la Follìa.


Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου