Δευτέρα, 2 Φεβρουαρίου 2015

ΜΑΡΙΟ ΛΟΥΤΣΙ!




MARIO LUZI


PUR CHE...

Che nascita, che morte, che stagioni,
ombra che sei, tritata a questa mola
pur che un vetro si turbi, una speranza
di fiori brilli e trepidi sui vasi.

Nascita e morte, verità veloce...
Si è qui, come si deve, in una parte,
in un punto del tempo, in una stanza,
nella luce, nel divenire eterno.

Altra sorte non so che non sia questa,
siedo rapito in questa fiamma fine,
guardo la chiara lamina febbrile
del giorno, mentre in cielo è già inverno.

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου