Κυριακή, 21 Σεπτεμβρίου 2014

ΚΟΥΑΖΙΜΟΝΤΟ!




SALVATORE QUASIMODO


E LA TUA VESTE È BIANCA

Piegato hai il capo e mi guardi;
e la tua veste è bianca,
e un seno affiora dalla trina
sciolta sull’omero sinistro.

Mi supera la luce; trema,
e tocca le tue braccia ignude.
Ti rivedo. Parole
avevi chiuse e rapide‚
che mettevano cuore
nel peso d’una vita
che sapevo di circo.
Profonda la strada
su cui scendeva il vento
certe notti di marzo‚
e ci svegliava ignoti
come la prima volta.


Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου