Πέμπτη, 12 Μαΐου 2016

ΤΖΟΒΑΝΝΙ ΡΑΜΠΟΝΙ




GIOVANNI RABONI (1932-2004)


CI SONO SERE CHE VORREI GUARDARE

Ci sono sere che vorrei guardare
da tutte le finestre delle strade
per cui passo, essere tutte le rade
ombre che vedo o immagino vegliare

nei loro fiochi santuari. Abbiamo,
sussurro passando, lo stesso sogno,
cancellare fino a domani il sogno
opaco, cruento del giorno, li amo

anch'io i vostri muri pallidamente
fioriti, i vostri sonnolenti acquari
televisivi dove i lampadari
nuotano come polpi, non c'è niente

che mi escluda tranne la serratura
chiusa che esclude voi dalla paura.

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου